La prima Biennale d’Arte di Intelligenza Artificiale al mondo “Full of Possibilities” è stata aperta a Kaunas

nel 2023 24 gennaio La prima Biennale Internazionale di Intelligenza Artificiale al mondo “Full of Possibilities” è stata aperta presso il KSJMC Center for Contemporary Art and Science (Sandėlių str. 7, Kaunas).

In questa biennale, le opere di artisti lituani e internazionali vengono esposte per la prima volta nella scuola “Aitvaros” di Kaunas, situata nella prigione di Kaunas (via Technikos 34, Kaunas).

John Lodzy (Italia), Ko Jumy (Giappone), Albert Nitbo (Austria), Tomas Lagūnavičius (Lituania) hanno presentato il loro lavoro alla biennale.

L’artista Tomas Lagūnavičius, promotore della Biennale d’Arte dell’Intelligenza Artificiale, che rappresenta le arti interdisciplinari, afferma:

“Sono molto contento dell’apertura di questa biennale, perché è la prima biennale d’arte nell’intelligenza artificiale al mondo, alla quale partecipano artisti provenienti da ben 4 paesi: Austria, Giappone, Italia e Lituania. I lituani cercano di essere i primi ovunque, non solo nel basket, non solo alla Biennale di Venezia, ma anche nelle nuove tendenze artistiche. Pertanto, sono orgoglioso di averlo fatto, di essere stato il primo.

L’intelligenza artificiale crea nuove possibilità, offre varie soluzioni interessanti che non potrebbero essere create da un artista con i soliti strumenti tecnici. È un modo completamente diverso di vedere il mondo, la cosa più importante è che durante la creazione compaiono altri mondi che ci “portano” fuori dalle nostre percezioni quotidiane, sembriamo abbandonare il realismo che vediamo ogni giorno. Il realismo dell’intelligenza artificiale è completamente diverso: crea e combina tra loro oggetti difficili da immaginare, che non immagineresti nel mondo reale. L’intelligenza artificiale è libera dalla domesticità, dal grigiore, dall’oscurità, dal bianco. Funziona in modo leggermente diverso. L’esempio migliore sarebbe il jazz, dove la melodia è già stata creata e, con l’aiuto del musicista, è come ricreata ed eseguita in un modo completamente diverso. Associo l’intelligenza artificiale a un buon jazzista che interpreta così bene il concetto creato dal compositore che il pezzo eseguito acquista un significato completamente diverso da quello che anche il compositore stesso poteva immaginare. Chiamiamolo passaggi jazz. Se improvvisa bene, crea nuove interpretazioni qui e ora.

Pertanto, vorrei sottolineare ancora una volta che l’arte creata dall’intelligenza artificiale è Arte, e ha con il creatore lo stesso rapporto che il compositore aveva con i musicisti. Naturalmente, questa connessione è su un altro livello: la tecnologia. Ma è cambiato qualcosa? La musica è anche una tecnologia, devi padroneggiare bene il tuo strumento, e questo viene fatto usando le tecniche di esecuzione e le abilità acquisite.

La domanda potrebbe essere: l’intelligenza artificiale impara? Sì, impara, proprio come i musicisti sopra menzionati. L’intelligenza artificiale non apprende solo le tecniche di esecuzione, ma anche la creatività e l’improvvisazione.

Pertanto, sono molto orgoglioso che siamo stati i primi ad organizzare la 1a Biennale Internazionale di Intelligenza Artificiale “Full of Possibilities” e a fondare la 1a Associazione artistica di intelligenza artificiale nel mondo) il cui obiettivo è diffondere e condividere informazioni sull’arte creata dall’intelligenza artificiale. L’obiettivo è quello di creare opportunità per gli artisti di mostrare i loro risultati, partecipare a concorsi e conoscersi. Invitiamo tutti a unirsi alle attività dell’associazione e partecipare alla 2a Biennale Internazionale Virtuale di Arte dell’Intelligenza Artificiale “Abstract Self-reflection” (nella 2a Biennale Internazionale Virtuale “Abstract self-reflection”) , maggiori informazioni : https://www.facebook.com/IAVPOA/

Le opere d’arte sono oggetti finiti, fenomeni, e tanto più tanto meglio. “

Organizzatori della mostra:

La prima associazione artistica di intelligenza artificiale al mondo (WAIAA)

Associazione internazionale di performance visive e altre arti (IAVPOA),

Center for Contemporary Art and Science (ŠMMC), Open Youth Space presso KSJMC,

Kaunas “Scuola di aquiloni”.

Calvino Bianchi

"Pionieri degli zombi. Specialista della birra. Tipico evangelista del caffè. Affamato di pancetta."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *