Il giocatore dello Žalgiris cerca ristoro dopo la stagione nella giungla thailandese

“Non ho ancora avuto una stagione del genere. Ci sono state lacrime di frustrazione e quasi una rissa, ma tutto è finito perfettamente”, ha sospirato Martynas con sollievo.

Il calciatore 29enne ha già indossato la maglia del Kaunas Žalgiris per la quarta stagione e quest’anno, oltre alle due medaglie di bronzo consecutive in Lega A, ha decorato la sua collezione con l’argento. Il primo titolo di vicecampione della Lituania nella storia del club è stato vinto dalla squadra di Kaunas nell’ultima giornata di campionato.

Il destino delle medaglie d’argento in Lega A non dipendeva più da loro, ma dai calciatori del distretto di Kaunas “Hegelmann”. Tuttavia, i principali concorrenti in casa non sono stati in grado di battere i “Cavalieri” di Vilnius, quindi Žalgiris ha avuto la possibilità di salire sulla vetta storica.

Tuttavia, era ancora necessario onorare gli omonimi di Vilnius – i calciatori di “Žalgiris” che avevano già vinto l’oro della Lega A – e nella loro fortezza! Sebbene la battaglia sia stata persistente, la squadra di Kaunas ha raggiunto il suo obiettivo: ha festeggiato una vittoria per 3: 2 e con 63 punti ha superato di uno il restante terzo “Panevėžis” e di due i suoi vicini di squadra “Hegelmann”.

Il signor Dapkus ha dato un contributo estremamente importante a tutti i risultati: è stato un membro insostituibile della squadra principale, ha giocato più minuti di tutti i giocatori sul campo del “Kaunas Žalgiris” ed è stato uno dei difensori più affidabili della Lega A. .

Ho avuto un doloroso infortunio all’alluce, strappi muscolari, ma ho messo una benda e stavo per combattere. Ho seguito l’atteggiamento: devo soffrire non solo per me stesso, ma anche per il risultato della squadra, per il nome “Zalgiris”.

– Cosa ha portato alla stagione mutevole ma da record della squadra di Kaunas Zalgirian? – abbiamo iniziato una conversazione con il signor Dapkum.

– È stato un inizio di stagione molto difficile. L’allenatore Rokis Garast è stato sfortunato a trovare un undici titolare: qualcuno ha sempre mollato per infortuni, non ha giocato come aveva chiesto. Era come se avessimo un bell’aspetto, ma abbiamo quasi commesso un errore: i gol sono caduti immediatamente nel nostro obiettivo. È così che abbiamo sparso molti punti. Tuttavia, quando abbiamo consolidato e guarito con successo le ferite, abbiamo anche ottenuto risultati: abbiamo dimostrato il nostro valore.

– Dopo il primo turno della competizione, eri quasi in fondo alla Lega A. Speravi ancora in fondo di poter passare dall’ottavo posto alle medaglie d’argento?

– Non lo nascondo, è stato molto difficile. La cosa peggiore è che non siamo riusciti a capire il motivo dei fallimenti. Ci furono lacrime, spintoni e lotte. Tutti dovevano oltrepassare una certa linea. Forse va bene, perché le emozioni hanno dimostrato che non c’erano persone indifferenti nella nostra squadra, quelle che prendevano una borsa sportiva dopo una sconfitta e tornavano tranquillamente a casa a riposare. Abbiamo lavorato sodo in allenamento, abbiamo parlato molto, abbiamo discusso e credevamo tutti che un giorno i fallimenti sarebbero finiti e avremmo mostrato la nostra vera forza.

– Ti sei lentamente fatto strada tra i primi tre, ma poco prima del traguardo a Vilnius hai perso inaspettatamente 0:2 contro la media dei “Cavalieri”. In quel momento, i tuoi concorrenti sono lontani. Probabilmente avevi già seppellito le tue speranze di medaglia dopo questa partita?

– Questo fallimento nella capitale è molto deludente. Eravamo in buona forma atletica, risalivamo e capitolavamo all’improvviso. Il fatto che siamo entrati nel parco “Sportimas” dagli stadi esterni ha aiutato un po’: uno spazio insolito, la superficie del campo. Ma dovevamo ancora vincere. La cosa più importante è che non ci siamo arresi dopo questa partita. Ha aiutato il fatto che fossimo già temprati da una stagione difficile, avendo sviluppato una pelle spessa. Ci siamo detti: qualunque cosa accada, andremo fino in fondo. Abbiamo giocato le restanti due partite quasi perfettamente.

– Nel penultimo turno – una schiacciante vittoria a Telšiai (3:0 su “Džiugas”), poi – una visita alla roccaforte dei campioni della Lega A. Nell’ultimo confronto, hai seguito gli eventi sugli altri campi, su da cui dipendeva anche il tuo destino: saresti potuto rimanere senza medaglie, ma avresti potuto arrivare fino all’argento?

– Abbiamo iniziato la partita contro il Vilnius “Žalgiris” con grande successo (abbiamo preso il comando al 1 ° minuto), e poi abbiamo segnato altri due gol. Sapevamo che dovevamo prima fare le nostre cose. Non abbiamo guardato gli altri risultati, ma i ragazzini che hanno passato le palle al nostro portiere David Mikelionis continuavano a dire il risultato di ‘Hegelmann’ e ‘Knights’. Potevo anche sentire mezzo orecchio. Era chiaro che le circostanze erano a nostro favore. È vero che è stato molto difficile resistere allo “Žalgiris”, hanno iniziato a pressare, hanno segnato due gol, ma non siamo crollati.

– In questa stagione, in termini di minuti giocati, sei diventato il leader della squadra tra tutti i giocatori in campo (solo il portiere D. Mikelionis ha giocato più partite). Cosa ha portato alla tua forza e stabilità di ferro?

– Oh! Non sono né ferro né acciaio (ride). Solo molto testardo. Apprezzo la fiducia di Coach Rok, apprezzo il mio posto nell’XI titolare. Quindi ho cercato di fare tutto ciò che ci si aspettava da me. Ci sono stati giorni in cui ho giocato infortunato. Ho avuto un doloroso infortunio all’alluce, strappi muscolari, ma ho messo una benda e stavo per combattere. Ho seguito l’atteggiamento: devo soffrire non solo per me stesso, ma anche per il risultato della squadra, per il nome “Zalgiris”.

– Il tuo segno distintivo in campo: combattività e atletismo – non ti farai mai del male in un duello. E quali sono i punti deboli, cosa vorresti migliorare?

– Sto molto attento alla preparazione fisica, perché non sono il giocatore più tecnico. Occorre quindi compensare con atleticità e spirito combattivo. In A-League queste qualità sono più che sufficienti, ma se confrontiamo con difensori di alto livello, probabilmente dovrei migliorare la mia tecnica di gestione della palla, forse essere più attivo in attacco. Mentre rappresentava la nazionale lituana, ha dovuto affrontare Granit Xhaka, calciatore del club londinese Arsenal, il suo connazionale Xherdan Shaqiri, il centrocampista Jorginho che rappresentava il club londinese Chelsea e la nazionale italiana. Dopo il confronto con tali maestri, ti rendi conto che devi ancora migliorare molto. Fanno tutto più velocemente, entrano nei duelli con maggiore fermezza, prendono posizioni in campo con maggiore precisione. D’altra parte, non importa quanto tu sia bravo in difesa, i tifosi apprezzeranno sempre chi segna gol o fornisce più assist. E dopotutto, a volte un buon “padkat” può determinare tre punti per la tua squadra.

– Negli ultimi anni hai indossato regolarmente anche la maglia della nazionale lituana. Perché non eri al torneo Baltic Cup tenutosi a novembre di quest’anno, o alle partite ufficiali della Nations League giocate in precedenza?

– Non lo so, nessuno me l’ha spiegato. Forse non doveva, ma l’allenatore (Reinhold Breu) non mi ha mai parlato. Non mi piace piagnucolare o lamentarmi, ma sono curioso di sapere cosa mi manca prima della nazionale, cosa deve essere migliorato per essere di nuovo nella rosa dei candidati. Forse i consigli dell’allenatore della nazionale indicherebbero la direzione e motiverebbero a lavorare di più. Ad essere onesti, mi manca la comunicazione.

– Squadre nazionali di alto livello, da cui i lituani sono molto lontani, stanno attualmente gareggiando nel campionato del mondo in Qatar. Per quale nazionale tifi?

– Non ho un favorito, cerco sempre squadre più deboli e precostituite. E i favoriti finora lasciano la migliore impressione: francese, brasiliano, inglese.

– Hai appena avuto il tempo di festeggiare le vittorie della stagione e ti sei già ritrovato in Thailandia. Chi ti ha portato lì?

– Puoi dire che è la nostra luna di miele con mia moglie. Ad agosto, quando ci siamo sposati, c’è stata una stagione intensa, così io e Grete abbiamo deciso di partire per il viaggio di nozze dopo la stagione. Tanto più che devo ringraziare mia moglie per il suo supporto durante una stagione difficile. In Tailandia trascorriamo vacanze attive, camminiamo nella giungla, scaliamo montagne. Cerco di non pensare al calcio.

– Le grandi feste dell’anno stanno arrivando. Come li citerai?

– Festeggeremo il Natale a Kaunas, in una calda cerchia di parenti. I regali? Farò regali, ma non mi aspetto di riceverli io stesso. Ho già ricevuto i regali più costosi quest’anno: mia moglie e una medaglia d’argento.

– Cosa vorresti per te nel 2023?

– In modo che non diventi mai testardo. Per quanto difficile sia la situazione, non dobbiamo arrenderci e andare avanti. E poi accadono le cose migliori.


Giorgia Marotta

"Giocatore. Imprenditore orgoglioso. Appassionato di pancetta incurabile. Specialista di zombi. Appassionato di TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *